Salta menu

Logo Provincia di Pisa

Provincia di Pisa

Scelte rapide home page: Accessibilit´┐Ż Menu principale | Ricerca | Sportello aperto | Chi amministra | La struttura | Cittadinanza | Siti Istituzionali | In primo piano | Novità della Provincia | Rassegna stampa | Aree tematiche


 
 





Osservatorio Rifiuti

rifiuti

L’Osservatorio Provinciale Rifiuti della provincia di Pisa, ha fra i propri compiti quello di monitorare i dati relativi alla produzione di rifiuti (urbani e speciali), confrontarli con lo stato di attuazione dei piani (piano provinciale, piano industriale, PRAA), supportare le politiche decisionali ed aiutare nell’individuazione di eventuali politiche correttive da adottare.

Premessa

 

Il presente rapporto analizza i dati di produzione e gestione dei rifiuti urbani e la raccolta differenziata dall'anno 1998 all'anno 2008.
Il contesto normativo regionale di riferimento del rapporto ha subito rilevanti modifiche dal 2007, volte all'individuazione di azioni per una riduzione della produzione dei rifiuti e il contenimento della spesa pubblica.


Dopo il PRAA 2007-2010, approvato con DCRT n.32 del 14.03.2007, che prevede - come obiettivi - la riduzione della produzione dei rifiuti rispetto ai dati di produzione dell'anno 2004 (-15%), e un incremento della raccolta differenziata (al 2010 dovrà raggiungere valori del 55%) e finanziamenti specifici, la LR 61 del 22.11.2007, ha apportato sostanziali modifiche alla normativa regionale precedentemente vigente (ex LR n.25/98 e smi) ridisegnando, fra l'altro i confini territoriali degli Ambiti Territoriali Ottimali per la Gestione dei rifiuti (ex art.18 della LR 25/98 e smi). I precedenti 10 ATO passano a 3:

  • ATO "Toscana Centro", costituito dai comuni compresi nelle province di Firenze, Prato e Pistoia;
  • ATO "Toscana Costa", costituito dai comuni compresi nelle province di Massa Carrara, Lucca, Pisa e Livorno;
  • ATO "Toscana Sud", costituito dai comuni compresi nelle province di Arezzo, Siena e Grosseto.


Questo nuovo assetto gestionale ha portato a un percorso di riorganizzazione dei sistemi di gestione e della pianificazione territoriale tutt'ora in itinere, che prevede fra le altre cose la redazione di nuovi piani di macro ATO per la gestione dei rifiuti e, quindi, di un nuovo piano regionale.

 



data ultima modifica pagina: 27 agosto 2012

Torna indietro «