Apertura anticipata della caccia da appostamento

Cacciatore al tramonto
Cacciatore al tramonto

A seguito di alcune informazioni erroneamente circolate riguardo all'esclusione del "volontariato" dal controllo dell'attività venatoria, in virtù delle modifiche apportate alla L.R. 3/94 nello scorso febbraio la Polizia Provinciale precisa che non vi sono sostanziali cambiamenti legislativi, quantomeno per coloro che già erano in possesso della qualifica di Guardia Volontaria all'entrata in vigore della nuova legge. Infatti le Guardie Giurate Volontarie (appartenenti alle associazioni venatorie, alle associazioni di protezione ambientale ed a quelle agricole), in possesso di regolare qualifica rilasciata dalla Provincia, sono titolate a chiedere a qualsiasi persona trovata in possesso di armi o arnesi atti alla caccia, in esercizio o in attitudine di caccia, l'esibizione della licenza di porto di fucile e di tutti gli altri documenti connessi con l'attività venatoria, nonché della fauna abbattuta e detenuta. La Polizia Provinciale informa inoltre che, durante il servizio, le Guardie Volontarie rivestono anche la qualifica di pubblico ufficiale e che quindi il rifiuto da parte del cacciatore di declinare le proprie generalità e fornire la documentazione di legge costituisce reato, con conseguente denuncia penale all'autorità giudiziaria.