Per i lavoratori delle Poste

Provincia e Comuni chiedono aiuto al Prefetto per salvare servizio postale e posti di lavoro

Il presidente Andrea Pieroni e tutti i sindaci della provincia di Pisa hanno scritto al Prefetto Francesco Tagliente affinché si faccia "portavoce presso gli organi governativi delle preoccupazioni" scaturite dal piano di riorganizzazione di Poste Italia S.p.A. che prevede sul nostro territorio la chiusura di 18 uffici postali, 33 zone di recapito e il forte ridimensionamento (130 esuberi previsti) del Centro Meccanizzato di Ospedaletto.

"Abbiamo formulato al Prefetto le nostre forti preoccupazioni in relazione alle conseguenze del piano presentato -- spiega il presidente della Provincia di Pisa -- Da parte di un'azienda pubblica, che ha chiuso il bilancio in utile, si parla di esuberi che, soprattutto in momento come questo, metteranno in seria difficoltà altre famiglie del nostro territorio".

"Non meno preoccupanti sono le chiusure degli uffici postali e dei centri di recapito, che porteranno ulteriori disagi ai nostri cittadini -- conclude Pieroni -- Se a questo si aggiunge il taglio al trasporto pubblico e alla sanità, le difficoltà finanziarie dei bilancio degli enti locali, si comprende che siamo di fronte ad un'azione di Poste che contribuisce a mettere in serio pericolo la tenuta sociale della nostra realtà provinciale".

PhotoGallery