Aree demanio idrico

Sentenze in linea con la Provincia di Pisa

Per la seconda volta in un anno i giudici del tribunale di Pisa emettono sentenze che sono in linea con la tesi della Provincia di Pisa secondo la quale chi occupa senza titolo le aree del demanio idrico è tenuto al pagamento di una indennità che non può essere inferiore al canone di concessione.

E' quanto emerge dalla sentenza n. 892 del 2012 emessa dal tribunale di Pisa, sezione Civile, che segue alla sentenza n.1021 del 2011 di condanna degli occupanti /sine titulo/ di aree del demanio idrico al risarcimento dei danni a favore dell'Amministrazione Provinciale.

In entrambi i giudizi i ricorrenti contestavano la quantificazione delle indennità richieste dall'Amministrazione provinciale agli occupanti del demanio idrico ma le sentenze dei giudici hanno invece riconosciuto che la quantificazione dell'indennità operata dalla Provincia di Pisa si presenta adeguata e che non vi sono ragioni per differenziare l'entità delle somme dovute dagli utilizzatori dei beni demaniali senza titolo rispetto ai titolari di concessione.

Ulteriore riprova di quanto affermato, nell'ambito della valorizzazione delle aree demaniali libere, si è avuta dall'espletamento delle aste pubbliche indette dal nostro Ente per l'assegnazione di aree ricadenti nel proprio ambito di competenza e da quelle espletate con procedura congiunta con l'Agenzia del Demanio. Le aste hanno visto numerosi partecipanti e si è potuto constatare, dagli importi offerti rispetto alle cifre a base d'asta, che l'importo dei canoni previsti dal regolamento provinciale è ben al di sotto di eventuali prezzi di mercato tra privati.

La Provincia di Pisa nell'ambito del demanio idrico da anni porta avanti la politica di valorizzazione delle aree demaniali con lo scopo non solo di applicare le norme esistenti ma anche di uniformare e rendere imparziale l'azione dell'Amministrazione nei confronti dei vari utenti.

Infatti sono numerosi gli utilizzatori del demanio che sono intestatari di una regolare pratica, avendo chiesto ed ottenuto regolare concessione dalle amministrazioni che hanno preceduto la Provincia [Regione Toscana, Provveditorato alle Opere Pubbliche per la Toscana, Agenzia del Demanio (precedentemente Intendenza di Finanza)] e di conseguenza pagano, e hanno pagato negli anni, quanto dovuto, non è pertanto pensabile che gli eventuali occupanti /sine titulo/ possano non pagare o pagare cifre inferiori.