Attività antibracconaggio della Polizia Provinciale

Sorpreso bracconiere con le tagliole

tagliole
tagliole

Nei primi giorni di febbraio, a caccia chiusa da pochi giorni, in poche ore ha avuto esito positivo quello che poteva essere l'ennesimo fenomeno impunito di bracconaggio.

Nelle campagne di Montescudaio, in pieno giorno, gli Agenti della Polizia Provinciale sono intervenuti a seguito di una segnalazione. Giunti sul posto nel primo pomeriggio, tra l’altro all’interno di una Zona di Ripopolamento e Cattura, territorio adibito alla tutela della fauna, gli Agenti, individuata una serie di tagliole (per la cattura di piccoli uccelli) debitamente poste in opera, con l'aiuto anche di una Guardia Volontaria Venatoria, sorprendevano un bracconiere intento ad innescarle. L’uomo, B.V. di 63 anni, residente nella zona, è stato denunciato all'Autorità Giudiziaria per i reati di esercizio di caccia in periodo di divieto generale, all’interno di area a divieto, mediante l’utilizzo di mezzi vietati.

Purtroppo è in questo periodo che i piccoli volatili quali pettirossi, tordi, merli, ed altre specie, particolarmente stressati per il forte freddo, sono sottoposti al rischio di bracconaggio con il metodo subdolo delle tagliole. L’individuazione di questi mezzi illeciti di caccia non è semplice, sia perché vengono prevalentemente posizionati in aree boschive, sia per il ridotto personale dedito al contrasto del bracconaggio.

Va comunque precisato che sul territorio della Provincia di Pisa il fenomeno dell’utilizzo delle tagliole sembrerebbe in diminuzione rispetto ad una decina di anni fa, mentre è ancora fortemente attuato da parte dei bracconieri il ricorso ai lacci (cavetti in acciaio posizionati sui percorsi dei selvatici), utilizzati per la cattura di mammiferi ed in particolare di ungulati. E’ infatti di pochi giorni prima la segnalazione di un cittadino che aveva rinvenuto un capriolo rimasto intrappolato ad un laccio, nei dintorni di Volterra. Le indagini della Polizia Provinciale non hanno portato all’individuazione del responsabile, ma la segnalazione ha comunque permesso di rimuovere dal territorio dei pericolosi mezzi illeciti di caccia.