Caldaie

PROCEDURA DI CONTROLLO E MANUTENZIONE IMPIANTI TERMICI in vigore dal 1 luglio 2012.

Interventi di controllo e manutenzione
Le operazioni di controllo e manutenzione dell'impianto termico devono essere eseguite conformemente a quanto disposto dall’allegato L del D.lgs 192/2005, così come modificato dal D.lgs 311/2006 e dal DPR 412/93 e s.m.i., per quanto compatibile, ed in particolare i controlli di efficienza energetica devono essere effettuati con le seguenti scadenze temporali:
a) ogni anno, normalmente all'inizio del periodo di riscaldamento, per gli impianti alimentati a combustibile liquido o solido, indipendentemente dalla potenza, ovvero alimentati a gas di potenza nominale del focolare maggiore o uguale a 35kW;
b) ogni due anni per gli impianti, diversi da quelli individuati al punto a), di potenza nominale del focolare inferiore a 35kW;
c) nel caso di centrali termiche di potenza termica nominale complessiva maggiore o uguale a 350kW, è inoltre prescritto un ulteriore controllo del rendimento di combustione, da effettuarsi normalmente alla metà del periodo di riscaldamento annuale.

Compiti del responsabile di impianto
Il responsabile di impianto provvede affinché siano eseguite le operazioni di controllo e manutenzione nel rispetto delle prescrizioni della normativa vigente secondo le modalità e le periodicità stabilite negli specifici provvedimenti emanati dalla Provincia di Pisa. A tal fine il responsabile di impianto deve avvalersi di ditte aventi i requisiti previsti dalle norme in vigore sulla sicurezza degli impianti di riscaldamento e/o impianti per il trasporto e l’utilizzazione di gas sia allo stato liquido che gassoso.
Provvede ad incaricare il manutentore, entro i 30 giorni successivi alla scadenza della prova di combustione, affinché esegua le operazioni di controllo e manutenzione previste e compili la “dichiarazione di avvenuta manutenzione” dell’impianto termico, con la seguente periodicità:
ogni due anni per gli impianti di potenza nominale del focolare inferiore a 35kW.
ogni anno per gli impianti di potenza nominale maggiore o uguale a 35 kW.

La consegna della dichiarazione di avvenuta manutenzione è onere a carico del manutentore/installatore dell’impianto termico.
Il responsabile di impianto è l’unico interlocutore della Agenzia Energetica di Pisa per quanto concerne le attività di ispezione sugli impianti termici condotte dalla Agenzia Energetica di Pisa.
Per gli impianti di qualsiasi potenza, il responsabile di impianto deve trasmettere all’Agenzia Energetica di Pisa, la scheda identificativa dell’impianto, scheda 1 bis, presente nel libretto di impianto/centrale con le seguenti modalità:
a) entro 45 giorni dall’“avviamento” di un nuovo generatore di calore (ristrutturazione di impianto esistente o nuovo impianto),
b) entro 45 giorni dalla modifica di uno degli elementi descritti nella scheda identificativa.
Per gli impianti di potenza maggiore o uguale a 35kW, il responsabile di impianto deve trasmettere, alla Agenzia Energetica di Pisa, apposita denuncia, redatta dall’installatore mediante il modulo, di cui alla parte I dell’Allegato IX alla parte quinta del D.lgs 152/06, entro 90 giorni dall’installazione o dalla modifica di un impianto termico civile ed eventuali comunicazioni di terzo responsabile, di eventuali revoche o dimissioni dall’incarico, ai sensi del D.P.R. 412/93 e s.m.i. art.11 comma 6
Condizione sufficiente per non sottostare agli obblighi di manutenzione, secondo quanto previsto dalla normativa vigente, è recedere dal contratto di fornitura del combustibile di rete o disattivare la caldaia in modo che un’eventuale accensione richieda necessariamente l’intervento di un tecnico abilitato. L’eventuale riattivazione della caldaia implica il rispetto degli obblighi di manutenzione. La disattivazione e l’eventuale riattivazione dell’impianto termico, devono essere comunicate dal responsabile di impianto all’Agenzia Energetica di Pisa.

Compiti del manutentore e dell’installatore
L’installatore è tenuto ad installare l’impianto termico ed a effettuare ogni sua modifica secondo quanto previsto dalla normativa vigente e dalle norme tecniche di settore.
Il manutentore/installatore deve apporre l’apposito bollino sul rapporto di controllo e deve immettere i dati della dichiarazione di avvenuta manutenzione direttamente nel database di gestione utilizzato dalla Agenzia Energetica di Pisa, entro 45 giorni dall’esecuzione della prova di combustione. La trasmissione in via telematica deve essere fatta attraverso il software degli impianti termici di AEP, e da essa gestito, utilizzabile da qualsiasi PC con accesso internet previo accreditamento secondo le modalità indicate da AEP stessa. Il manutentore è comunque tenuto a conservare copia della dichiarazione di avvenuta manutenzione per un periodo di 3 anni dalla data di compilazione e a trasmetterne copia in caso di richiesta.

Dichiarazione di avvenuta manutenzione
La dichiarazione di avvenuta manutenzione è completa quando, al rapporto di controllo tecnico, redatto dal manutentore, conforme agli allegati «G» e «F», è applicato il bollino della Provincia di Pisa compilato in tutte le sue parti, in particolare completo di codice fiscale, codice PDR e firma per assunzione di responsabilità del responsabile di impianto ai sensi del D. Lgs. 196/03 e contestuale autorizzazione al trattamento dati.
La «scadenza per la consegna » della dichiarazione di avvenuta manutenzione, da parte del manutentore, è determinata sommando 45 giorni alla data di scadenza dell’ultima prova di combustione eseguita.
Per attestare la condizione di utente correttamente autodichiarato è necessario conservare copia del rapporto di controllo con apposto il bollino.

Accertamento, ispezione e attività sanzionatoria
L’Agenzia Energetica di Pisa, per conto della Provincia di Pisa, provvede ad effettuare ispezioni a campione sua almeno il 5% degli impianti auto dichiarati, e sugli impianti non auto dichiarati.
Laddove dall'accertamento documentale delle dichiarazioni di avvenuta manutenzione pervenute emergano eventuali non conformità, l’AEP provvede ad attivare le procedure finalizzate alla loro risoluzione.
I criteri utilizzati nella programmazione delle ispezioni presso gli utenti finali tengono conto degli obiettivi della direttiva europea 2002/91/CE sul rendimento energetico in edilizia.

fax Provincia: 050 929680, energia@provincia.pisa.it

Orario di ricevimento: vedi allegato "Sportello impianti termici"

cittadini/responsabili d'impianto martedì e giovedì dalle 9.30 alle 12.30.

Recapito AGENZIA ENERGETICA DI PISA

Via del Chiassatello 57 Corte Sanac (PI) Tel. 800727722

www.agenpi.eu e-mail: info@agenpi.eu

Ultime notizie