Pontesicuro - Lugnano

Lugnano. Ieri 22 agosto alle 18:00 alla presenza del Presidente della Provincia di Pisa, Massimiliano Angori, del Sindaco di Vicopisano, Matteo Ferrucci e dell'Assessore ai lavori pubblici di Cascina, Roberto Sbragia, la Provincia di Pisa ha dato il via la circolazione sull'infrastruttura a senso unico alternato

"Una riapertura a senso unico alternato anticipata di circa dieci giorni, come richiesto ampiamente dai Comuni e dalle Associazioni di categoria dei commercianti - ha dichiarato il Presidente Angori - Un ottimo risultato ottenuto grazie al buon lavoro degli uffici provinciali, della ditta esecutrice degli interventi e delle condizioni meteo favorevoli, e grazie alle risorse economiche messe a disposizione dalla Regione Toscana e dalla Provincia di Pisa, rispettivamente 292mila euro e un milione e centomila euro. Adesso l'obiettivo è lavorare per la riapertura completa, che avverrà il prossimo 13 novembre come da crono-programma, quando il ponte sarà completo anche di passerelle laterali ciclopedonali".

Ricordiamo che il Ponte viene riaperto, come previsto, con senso unico alternato regolamentato da impianto semaforico mobile, con limitazione di portata a 3,5 tonnellate. La limitazione di peso non riguarderà i mezzi del trasporto pubblico locale, i mezzi di emergenza e i mezzi dei servizi pubblici locali (servizio idrico e rifiuti, ndr).

"Adesso i lavori proseguiranno con la realizzazione dei percorsi ciclo-pedonali laterali al Ponte, con il completamento dei risanamenti all'intradosso dell'impalcato e con le ultime opere di rifinitura in vista, appunto, della riapertura totale. Siamo consapevoli che l'interdizione al traffico dell'infrastruttura abbia comportato disagi alle due comunità di Cascina e Vicopisano, ma tali interventi di manutenzione straordinaria erano necessari per garantire l'incolumità delle popolazioni e degli utenti della strada che quotidianamente attraversano il ponte, anche più volte al giorno", aggiunge il Presidente Angori. "Il nostro scopo, infatti, come istituzione, è quello di salvaguardare per prima cosa la sicurezza dei cittadini, come più volte ricordato anche ai tavoli svoltisi in Prefettura proprio relativamente ai lavori al Ponte di Lugnano. Le lavorazioni sull'infrastruttura, dunque, proseguiranno con l'obiettivo di operare per la sicurezza e l'incolumitò delle persone, giungendo nei tempi più rapidi possibili alla riapertura totale del Ponte al transito veicolare e ciclopedonale"